Tempio IndianoLo Yoga nasce in India e testimonianze archeologiche con rappresentazioni collegabili in qualche modo ad esso lo fanno risalire addirittura tra il terzo ed il secondo millennio a.C. lungo la valle del fiume Indo.

La parola Yoga deriva letteralmente dalla radice sanscrita yui, che ha il significato di “unire, legare insieme, trainare da, mettere il giogo” da cui anche il termine latino jungere e jugum, ad indicare il giogo che viene fissato sul collo dei buoi per legarli all’aratro.

In questo senso lo Yoga rappresenta un mezzo che unisce tutte le potenzialità del corpo, della mente e dall’anima attraverso il controllo della mente e del corpo stessi, della volontà e delle proprie emozioni.

Il sistema di pratiche su cui si basa lo Yoga è conosciuto come Astanga Yoga (Yoga delle otto membra).

PatanjaliUno dei più importanti testi filosofici indiani che descrive gli elementi fondamentali dello Yoga tradizionale è rappresentato dagli Yoga Sutra (“aforismi sullo Yoga”) di Patanjali.

Patanjali non è il creatore della filosofia Yoga (Yoga Darsana), ma semplicemente ne raccoglie le pratiche.

Negli Yoga Sutra vengono classificate otto tipi di pratiche, chiamate membra (anga):

  1. Yama - I freni o astensioni da azioni negative, si tratta di ciò che non dobbiamo fare e che riguarda il nostro rapporto con gli altri
  2. Niyama - Le discipline corporali e psichiche, si tratta di ciò che dobbiamo fare e che riguarda il rapporto con noi stessi
  3. Asana - Le posizioni del corpo, Patanjali afferma che la posizione deve essere stabile e confortevole
  4. Pranayama - La regolazione e controllo del respiro per disciplinare l’energia vitale e la mente
  5. Prathyara - Il ritiro dei sensi dal mondo esterno verso il proprio interno
  6. Dharana - La concentrazione
    asana
  7. Dhyana - La meditazione
  8. Samhadi - L’illuminazione, l’unificazione dello Spirito Individuale con lo Spirito Universale, il raggiungimento del livello più alto della coscienza

Nel corso dei secoli le pratiche di Yoga legate all’Astanga Yoga si sono diversificate in base a fattori geografici, storici e culturali dando vita a diversi sistemi o stili:

  • Il Karma Yoga - Il praticante si dedica ad agire per il prossimo e per migliorare l’ambiente intorno a sé senza fini egoistici
  • L’Jinana Yoga - Lo Yoga della conoscenza, si sviluppa attorno allo studio delle scritture antiche
  • Il Bhakti yoga - Lo Yoga della devozione,si sviluppa attorno alle pratiche devozionali
  • L’Hatha Yoga - Lo Yoga della volontà, si sviluppa attorno alle posizioni (Asana) per disciplinare il corpo e alle tecniche respiratorie (Pranayama)
  • Il Raja Yoga - Lo Yoga regale, lo yoga che si sviluppa attorno alla pratica meditativa ed ascetica
  • Il Mantra Yoga - Lo Yoga basato sull’uso dei mantra, cioè “formule”attraverso le quali è possibile elevare la coscienza

Esistono, inoltre, altri sistemi di yoga quali :

  • Il Kriya Yoga - Da Kriya inteso come azione o rito. Si tratta di un insieme di tecniche suddivise in diversi livelli che agiscono gradualmente sul corpo e sulla mente
  • Il Kundalini Yoga - Insieme di pratiche volte a risvegliare la Kundalini (l’energia spirituale latente nell’uomo)

Anche se questi sistemi pongono l’accento su diversi aspetti dello yoga tutti tendono al fine ultimo dell'elevazione della coscienza.

 

 

Pin It